L’Associazione Dream More a Città della Pieve Inizio di collaborazione tra soggetti interessati all’integrazione

L’iniziativa è nata dall’invito del Cesvol Umbria di Perugia pervenuto al Gruppo Ecologista “Il Riccio” per la diffusione alle scuole umbre del video “Una rosa blu”, prodotto con la partecipazione della RAI per volere dell’Associazione Dream More di Foligno che si occupa di giovani con sindrome di Down.

“Il Riccio” non ha fatto cadere nel vuoto l’invito, sembrato subito molto interessante, che è andato a arricchire le proposte di collaborazione, per l’annualità 2023-2024, all’Istituto Comprensivo “Pietro Vannucci” di Città della Pieve, entrando a far parte della Programmazione annuale.

Collaborazione quella tra Il Gruppo Ecologista  e il “Vannucci” piuttosto intensa e consolidatasi nel corso degli  anni.

Il video è stato visto da tutte le classi della Primaria, le quarte e la quinta hanno inoltre accolto l’invito per un  incontro con l’Associazione Dream More, altre Associazioni, Enti, Cooperative locali, come proposto dal “Riccio”.

All’evento hanno partecipato oltre a “Il Riccio”, l’Associazione Terrarte che opera a Città della Pieve con le sue numerose attività  dirette all’integrazione di soggetti con svantaggio, la Cooperativa Frontiera Lavoro che gestisce il Servizio di Accompagnamento al Lavoro nei territori dell’Unione dei Comuni del Trasimeno con cui l’Associazione ecologista  “II Riccio” collabora ai laboratori di orientamento per le persone in carico al servizio, in particolare con il suo vicepresidente Riccardo Testa che è l’animatore del “Laboratorio Verde” presso la serra del “Castelluccio Palusse” a Città della Pieve, le attività sono concentrate su cura, conoscenza e utilizzo del verde del territorio locale e sulla sperimentazione di attività manuali connesse.

Erano presenti anche alcuni partecipanti ai laboratori e Roberta Rismondo, la mamma di Emanuele, che ha letto una significativa e toccante lettera sul figlio affetto da sindrome di Down, che può essere ascoltata guardando il video della diretta realizzato da Terrarte, accessibile al link https://youtu.be/owgOWcaT4iU. La visualizzazione permetterà naturalmente di seguire l’evento nella sua totalità, con spunti di riflessione sicuramente interessanti.

Durante l’incontro per attrarre l’attenzione della giovane platea sono stati proposti  due video “La rosa blu” https://www.raiplay.it/video/2021/03/la-rosa-blu-614538a6-331e-46ee-9d7d-5c104afd1865.html  e  “Il raglio dell’asino master prores” https://youtu.be/GnMANYkyA3I?si=9RSSNcQkIyq-0Q83 realizzato dal Laboratorio Terrarte, ed una presentazione multimediale da parte di Frontiera Lavoro, illustrata da tre operatori: Gaetano Fiacconi, Paola Candori e Anna Protani. 

In “la Rosa Blu” la protagonista, affetta da sindrome di Down, diventa la rosa blu tra tante rose rosse “perché le rose non sono di un solo colore, possono vestirsi di mille sfumature”. Una storia diventata un Progetto grazie a Maria Letizia Fiorelli, madre della protagonista e presidente dell’Associazione, allo scopo di promuove l’inclusione sociale e culturale delle persone con fragilità, che ha avuto il patrocinio di Regione Umbria, Fissuf dell’Università degli Studi di Perugia e Associazione Italiana Persone Down – AIPD Nazionale.

“Il raglio dell’asino master prores” è  uno spaccato  delle innumerevoli attività proposte da “Terrarte”, realtà sociale di indubbio valore, sul territorio di Città della Pieve.

L’evento è stato aperto con la lettura, da parte della docente Luisa Binaretti, del messaggio  del capo d’Istituto del “Vannucci” di Città della Pieve, Prof.ssa Caterina Marcucci” impossibilitata ad essere presente,  che ha evidenziato l’importanza della scuola nel valorizzare l’integrazione e nel riconoscere il valore arricchente  della diversità.

A seguire, Maria Letizia Fiorelli ha presentato l’attività dell’Associazione da lei fondata, soffermandosi in particolare sui principi ispiratori.

Fabio Sberna e Susanna Panek  di Terrarte hanno parlato dei numerosi progetti portati avanti nei differenti laboratori, delle soddisfazioni e dell’arricchimento personale che ne derivano. Hanno mostrato anche vari prodotti in ceramica,  frutto dell’occupazione primaria.

A presentare l’evento e legare i vari interventi Ivonne Fuschiotto del Gruppo Ecologista “Il Riccio”.

Particolare l’attenzione e l’interesse delle classi presenti alle quali sono state avanzate richieste di riflessioni e suggerimenti da inviare al Gruppo Ecologista. Le tre classi: quarta A seguita dalle maestre Romina Giovannini  e Ilaria Chiacchella, quarta B con il contributo delle insegnanti  Michela Corazza e Anna Rita Pulitano, quinta A grazie all’ausilio dei docenti Chiara Pulcinelli, Benedetta Orsini e Salvatore Izzo,   hanno  lavorato con vero impegno. I prodotti che sono pervenuti danno prova di passione, dedizione  e  coinvolgimento. I cartelloni sono in mostra alla Biblioteca  di Scienze Naturali “Franco Travaglini” – INTRA – Libri Salvati, presente all’interno del Museo di Storia Naturale e del Territorio  a Palazzo Corgna – Piano Nobile, gestito dal “Riccio” per conto dell’Amministrazione Comunale. Il Museo, a ingresso libero, è aperto tutti i fine settimana con il seguente orario: sabato ore 16,00 – 18.00, domenica ore 10.30 – 12.30  e 16,00 – 18.00.

Alla fine dell’evento, cosi come auspicato da “Il Riccio”, i vari partecipanti si sono ripromessi di continuare la  collaborazione.

Categorie: Senza categoria | Lascia un commento

Relazione di un incontro: la gestione faunistica oggi

Dall’interessantissimo incontro con il dott. Luca Convito del  Servizio Foreste della Regione Umbria, organizzato dal Gruppo Ecologista “Il Riccio” di Città della Pieve in collaborazione con la Biblioteca Comunale “Francesco Melosio”, appuntamento apprezzato dai numerosissimi presenti, emerge chiara la possibilità di convivenza tra animali selvatici e uomini a patto che i primi vengano trattati, rispettati e gestiti come tali.

Rispettare il loro essere selvatici significa anche rispettare la loro indipendenza; la fauna nel suo ambiente è perfettamente in grado di nutrirsi senza bisogno delle nostre “briciole”.

Tra uomo e animale selvatico è bene mantenere le giuste distanze per la sicurezza e la tranquillità di entrambi. Coerentemente con i principi scientifici, l’antropizzazione degli animali va bene per i cartoni animati ma non per la gestione corrente. Sono molte più le persone assalite dai “Bambi”, erbivori, che quelle da grandi carnivori, soprattutto se attribuiamo ai selvatici gli stessi comportamenti dei domestici o addirittura quelli degli uomini. 

Quando siamo in  natura, orecchie ben aperte ai suoni e agli avvertimenti degli animali,  per esempio non correre con le cuffiette nelle orecchie, fare attenzione alla presenza di cani, soprattutto se liberi, perché possono spaventare i selvatici o diventare facile soggetto di aggressione/predazione coinvolgendo il proprietario, in questo caso bisogna evitare di frapporsi. Il soccorso della fauna ferita o in difficoltà spetta a personale competente e formato: toccare un animale selvatico in queste situazioni, anche semplicemente  accarezzarlo,  è avvertito dallo stesso come una minaccia o un atto di predazione.

Il paesaggio faunistico è l’insieme di popolamenti faunistici che caratterizzano un certo territorio, il cui carattere deriva dall’azione di fattori naturali e/o umani e delle loro interrelazioni. Nel corso del tempo il paesaggio faunistico ha subito evidenti cambiamenti dovuti in particolare ai mutamenti ambientali, come abbandono dei terreni marginali, crescita del patrimonio forestale, ritorno alle campagne con modalità diverse da quelle precedenti, sopravvivenza di quella fauna che è caratterizzata da minore visibilità e da abitudini crepuscolari ed elusive.

I cambiamenti faunistici sono legati alla crescita del numero delle specie e della consistenza delle popolazioni, all’introduzione di specie esotiche ed invasive, ma anche alle trasformazioni sociali, da agricoltori ad altro, da consumatori di fauna a “indifferenti” fino a protettori integrali/integralisti. Ci sono poi cambiamenti sanitari, come maggior conoscenza e consapevolezza dei rischi legati a epizoozie (diffusione di malattie infettive da una specie all’altra) e zoonosi (infezioni o malattie che possono essere trasmesse direttamente o indirettamente tra gli animali e l’uomo) come l’aviaria e la peste suina africana, alla tutela dei consumatori e allo sviluppo delle filiere e infine anche a cambiamenti normativi, visto che l’Italia aderisce a Convenzioni internazionali e si adegua alle Direttive comunitarie. Tutti processi che in un’ottica ecologica si intrecciano e avvengono con velocità diverse, anche in ambienti ravvicinati, facendo inceppare i meccanismi di gestione e convivenza tra uomo, che ha tempi lunghi di comprensione e adattamento, e fauna, che ha tempi brevi di adattamento e riproduzione.

Quando i terreni coltivati vengono trascurati, gli  ambienti forestali e quelli di transizione (ecotoni)  si espandono: la fauna selvatica può ben essere “letta” come un prodotto spontaneo di questi ambienti.

Per la gestione di animali selvatici negli spazi urbani in Umbria sono vigenti due protocolli di intervento autorizzati dalla Prefettura di Perugia, marzo 2021, e da quella di Terni, novembre 2022, per i Comuni delle rispettive Provincie.

In risposta, per esempio,  all’arrivo dei cinghiali in città e alla peste suina africana, si è provveduto a ridurre il numero di cinghiali prelevandone contingenti sempre più numerosi con tecniche a disposizione e per periodi più lunghi di quanto previsto per la normale attività venatoria, a controllare la loro presenza attraverso il trappolamento con gabbia quale sistema selettivo. Da segnalare purtroppo il sabotaggio delle gabbie con la liberazione degli animali catturati prima che venissero prelevati, ma anche  delle escature, come pure sono stati rilevati attacchi sui social. Viene inoltre condotta una sorveglianza sanitaria passiva della popolazione di cinghiali attraverso la segnalazione e il controllo diagnostico di tutti i cinghiali rinvenuti morti, anche per incidenti stradali, e di tutti i casi sospetti con mortalità aumentata, sintomatologia riferibile a pesti suine e altre malattie. 

Per chi volesse avere maggiori e più circostanziate informazioni sull’incontro ampiamente partecipato si rimanda alla diretta su Facebook di “Città della Pieve Viva”, per cui si ringrazia Ettore e di cui si fornisce il link:  https://www.facebook.com/share/v/JSXo1NDkJF9a37p7/

A conclusione si vuole dare comunicazione della presenza nel territorio del N.O.E.T.A.A. – Nucleo Operativo Ente Tutela Animali Ambiente, organizzazione che tutela i diritti degli animali, della natura e dell’ambiente, la cui sede Regionale e Provinciale si trova a Tavernelle,  viale della Resistenza al numero 156, di cui si fornisce con molto piacere link al profilo Facebook  https://www.facebook.com/profile.php?id=100092707203623, mail noetaaregioneumbria@libero.it, cell. 3808918632, con reperibilità h. 24, da contattare per informazioni ma soprattutto per segnalare problemi di carattere ambientale come ad esempio discariche abusive, di cui purtroppo i nostri territori sono pieni, presenza di animali randagi, di avvicinamenti anomali di animali selvatici ai centri abitati. Con il loro supporto preannunciamo che il Gruppo Ecologista pievese organizzerà, a breve, incontri informativi e formativi per la cittadinanza.

Categorie: Senza categoria | Lascia un commento

A Città della Pieve “Alla riscoperta del territorio”, un incontro suggestivo e interessante

Il Gruppo Ecologista “Il Riccio” con il patrocinio del Comune di Città della Pieve e  in collaborazione con la  Biblioteca Comunale “Francesco Melosio”, nell’ambito dei “Venerdì della Biblioteca”, organizza, il 21 giugno  alle ore 17.00 presso la Sala delle Muse di Palazzo della Corgna a Città della Pieve, l’incontro “Alla riscoperta del territorio – Le più profonde radici del paesaggio antropico e della cultura agro-alimentare dell’Umbria occidentale… storie di popoli, culture e colture migranti!”.

Una conferenza con presentazione multimediale tenuta da Angelo Barili, naturalista e curatore delle collezioni zoologiche della Galleria di Storia Naturale del CAMS, Centro di Ateneo per i Musei Scientifici, dell’Università degli Studi di Perugia.

La particolarità delle immagini, la suggestioni delle parole, di cui Angelo è maestro, sono preludio di un pomeriggio estremamente interessante, che guida alla scoperta e riscoperta del nostro territorio e non solo, sicuramente da non perdere.

La cittadinanza è caldamente invitata a partecipare.

Alla fine della presentazione sarà possibile visitare il Museo di Storia Naturale e del Territorio, al Piano Nobile di Palazzo della Corgna,  guidati da esperti del Gruppo Ecologista “Il Riccio”.

Categorie: Senza categoria | Lascia un commento

Musica itinerante: incontro tra Liceo Musicale e Gruppo Ecologista “Il Riccio”

Esperienza singolare e interessantissima quella chiesta dal liceo Musicale “Italo Calvino” al Gruppo Ecologista “Il Riccio”: un sabato mattina di musica, cultura, arte, trekking su Città della Pieve.

Un lavoro particolarmente curato quello dei docenti: Francesca Boccacci, Cosimo Azzinnari, Pedro Spallati, Pierluigi Bastioli, Valeria Puletti, Paolo Manetti, Emiliano Leonardi, Giacinta Simon e degli studenti delle classi prima e seconda del Musicale  che hanno suonato magistralmente ottoni, chitarre, percussioni, sax, violoncello e cantato in modo impeccabile sia in assoli che in cori per canti popolari e non.

Oltre alla parte musicale eseguita in luoghi interessanti dal punto di vista ambientale, architettonico, artistico,  le “lezioni” del Prof. Riccardo Testa del Gruppo Ecologista, su storia, arte, ambiente che hanno affascinato i presenti.

Brani e canti particolari, in alcuni casi con  insoliti strumenti musicali, sono stati eseguiti  alla Fonte Trova, una della Fonti storiche di Città della Pieve, con il Giardino Comunitario del Frutti “riTROVAti” realizzato e curato dal Gruppo Ecologista “Il Riccio”; nelle suggestive aree  verdi del Castelluccio Palusse, una residenza voluta da Vittoria Guerrieri, figlia morganatica del Re Vittorio Emanuele II di Savoia e di Rosa Vercellana, la bella Rosina, dove ha vissuto con De Simone Paolo, di qui il nome Palusse,  le cui collezioni di semi e non solo sono conservate al Museo di Storia Naturale e del Territorio, gestito dal Gruppo Ecologista “Il Riccio”; in  piazza Matteotti all’interno del mercato settimanale, tra banchi e acquirenti; all’Oratorio dei Bianchi di fronte al famoso dipinto del Perugino “L’Adorazione dei Magi”; all’Oratorio di San Luigi, attiguo all’Istituto Professionale per i Servizi Commerciali.

La classe prima di questo Istituto ha seguito il gruppo itinerante mostrando interesse, estrema compostezza  e ammirazione. 

Nei luoghi più affollati non è mancata l’attenzione e la curiosità di passanti e lavoratori.

Un’esperienza formativa per tutti, sotto vari aspetti, che sicuramente uscendo dalle aule scolastiche  porta con sé un suggestivo soffio di bellezza, raffinatezza, cultura.

Un’esperienza da ripetere e incentivare, il Gruppo Ecologista “Il Riccio” si dichiara già disponibile.

Grazie alla scuola e a  tutti quei soggetti che hanno contribuito a rendere possibile questo evento che ha toccato anche altri luoghi suggestivi come l’incantevole vista sulla Val di Chiana dalla passerella a ridosso della Chiesa di San Pietro che conserva al suo interno  un altro dipinto del Perugino, il cui ultimo restauro è stato effettuato grazie all’interessamento dell’Istituto Professionale per i Servizi Commerciali di Città della Pieve; sul lavoro di restauro, seguito dagli studenti, è stata realizzata  una brochure:  Restauro di un’opera: “Sant’Antonio Abate tra i Santi Marcello e Paolo” Chiesa di San Pietro Città della Pieve, consultabile anche online.  

Categorie: Senza categoria | Lascia un commento

A.L.I.Ce. premia studenti degli Istituti Scolastici pievesi distintisi nel campo del volontariato







È ormai consuetudine per A.L.I.Ce.  di Città della Pieve, alla fine dell’anno scolastico, premiare gli studenti che si sono distinti nell’ambito del volontariato. Il bando di concorso “Una rosa… rinascerà” è nato nel lontano 2016,  con lo scopo di riconoscere il valore della solidarietà nelle giovani generazioni, per volere di Franco Pilato, un amico di A.L.I.Ce., che ha voluto devolvere i proventi del suo omonimo libro, accresciutisi nel tempo grazie al contributo annuale di Allianz e agli introiti della distribuzione di altri due libri, uno sempre di Franco Pilato “Vita contadina” e  un altro “Nostalgie” di Giovanni Baccelli. Sono state istituite così due borse di studio del valore di € 250,00 ciascuna, destinate a studenti dell’Istituto Comprensivo “Pietro Vannucci” e dell’Istituto di Istruzione Superiore “Italo Calvino”. Ogni anno una vera e propria festa che coinvolge oltre agli studenti anche docenti, capi di Istituto, personale amministrativo e genitori. Presente, come sempre, il Sindaco di Città della Pieve che affianca ogni anno il Presidente di A.L.I.Ce. Guerrino Bordi e Franco Pilato, e che come rappresentante della comunità ha ringraziato i premiati per l’impegno e l’esempio che danno alla propria comunità scolastica e non solo.

Un riconoscimento al ruolo educativo della scuola e delle famiglie nelle crescita dei giovani è stato sottolineato in più momenti.  

Ad individuare i premiati i Collegi Docenti degli Istituti scolastici interessati dal Bando.

Le cerimonie, una per ogni Istituto, hanno avuto luogo il 31 maggio.

L’Istituto Comprensivo “Pietro Vannucci” ha deliberato la candidatura della classe IV B della scuola Primaria di Città della Pieve con la seguente motivazione: Durante i quattro anni di scuola, gli alunni della classe quarta B hanno instaurato un clima di fiducia ed accoglienza, mostrandosi sempre aperti ed inclusivi, soprattutto verso i compagni con esigenze particolari. Prendendosi cura degli altri e rispettandone la diversità, ogni allievo ha contribuito alla costruzione di relazioni basate sul rispetto reciproco. Grazie alla collaborazione e al supporto vicendevole, si è formato un gruppo coeso e solidale, in cui ciascuno mette a disposizione i propri talenti e risorse per il bene comune. In questo contesto, la diversità è vissuta come un’opportunità per coltivare legami di vera amicizia e favorire la crescita individuale e collettiva.

Il premio sarà destinato a coprire le esigenze della classe. 

L’Istituto Superiore “Italo Calvino” ha individuato la studentessa Caterina Carusi della classe IV del Liceo Linguistico, componente del Presidio del Volontariato “Insieme si può” con la seguente motivazione: Per aver contribuito fattivamente alle attività del Presidio del Volontariato “Insieme Si Può” dell’Istituto di Istruzione Superiore “I. Calvino”, ricoprendo incarichi di responsabilità e coordinamento.

Ha condiviso appieno i valori del Presidio, impegnandosi per coinvolgere attivamente gli altri studenti alle varie iniziative intraprese.

Responsabile e entusiasta ha messo le sue competenze a servizio degli altri, guadagnandosi la fiducia degli studenti e quella delle docenti referenti del progetto.

Questa mattina Caterina è stata festeggiata dai docenti referenti del Progetto, dai componenti del Presidio, in suo onore anche piacevoli e coinvolgenti momenti musicali.

Un video preparato dai ragazzi per illustrare le attività del Presidio: vendite solidali, volontariato alla Residenza Protetta “Creusa Brizzi Bittoni”, letture presso la Biblioteca Comunale “Francesco Melosio” per i bambini della Primaria, ha piacevolmente sorpreso gli ospiti, che hanno rimarcato l’importanza di questi aspetti dell’educazione. 

A guidare il Presidio la Prof. ssa  Maria Carla Mancini coadiuvata dai colleghi  Giacomo Barneschi, Alessia Fratini, Luisa Vitali e Monica Busti.

Realtà consolidata quella del Presidio “Insieme si può”, operante dal lontano 2010 all’interno del “Calvino”, sui Presidii ed in particolare sulle attività del “Calvino” è uscito qualche anno fa un libro edito dal Cesvol  –  Editoria Sociale Perugia  “I Giovani raccontano il Volontariato” consultabile online.

Un grazie da parte di A.L.I.Ce. di Città della Pieve alle due realtà scolastiche che, con grande impegno, tengono viva e coltivano la solidarietà verso gli altri, l’amore per il prossimo vicino e lontano senza alcun tipo di differenza, anima di quella “cittadinanza attiva” di cui si ha sempre tanto bisogno e è garanzia di concreta consapevolezza. 

Categorie: Senza categoria | Lascia un commento

Le nuove scoperte scientifiche di Squazzini sul fiume Nera e la Cascata delle Marmore si collegano alle intuizioni del geologo pievese Antonio Verri

Enrico Squazzini ha presentato a Città della Pieve il suo libro “La lunga storia del fiume Nera – Cronaca di una scoperta scientifica”, risultato di un approfondito studio geologico condotto sul territorio: una dissertazione interessantissima durante la quale il pubblico presente ha potuto assistere all’evoluzione geologica di questo corso d’acqua. La ricostruzione della storia del fiume Nera ha permesso di scoprire aspetti finora sconosciuti del territorio umbro e di capire le profonde trasformazioni ambientali avvenute nel corso del tempo. Un fiume è un elemento estremamente dinamico, nel tempo si trasforma cambiando la sua posizione e la fisionomia rispecchiando l’evoluzione geologica, si dice infatti che il fiume modelli letteralmente le forme del paesaggio.

In questa ricostruzione non poteva mancare un cenno ad Antonio Verri, un illustre pievese dell’Ottocento (1839 – 1925) discendente della storica famiglia milanese, geologo, paleontologo, ingegnere idraulico. La sua grande passione per la geologia nacque durante un’escursione in battello lungo il corso del fiume Tevere per motivi professionali, durante la quale sentì la necessità di approfondire i caratteri geologici dell’intero bacino fluviale. Verri dedicò la sua attenzione ai territori dell’Umbria e del Lazio e alla sua Val di Chiana disquisendo sui temi di stratigrafia, geologia applicata e dei caratteri preistorici del territorio umbro. Nella seconda metà dell’Ottocento gettò le basi per le ricerche geologiche nei territori dell’Appennino centrale.  Pubblicò oltre 110 lavori, in prevalenza sui temi dell’ingegneria idraulica e della geologia, sul Monte Amiata e sui Fiumi Tevere e Velino, ai quali associò la caratterizzazione della Cascata delle Marmore. Raccolse molto materiale scientifico e bibliografico che donò a diverse istituzioni. Una parte rilevante della sua collezione è conservata presso il “Museo di Storia Naturale e del Territorio” di Città della Pieve, gestito per conto del Comune dal Gruppo Ecologista “Il Riccio” che ha organizzato, unitamente alla Biblioteca “Francesco Melosio”, l’incontro con Enrico Squazzini. Numerosi scritti di Antonio Verri, presenti nella Biblioteca di Città della Pieve, erano in mostra nella Sala Grande di Palazzo della Corgna durante la presentazione del libro. Le lucide intuizioni dell’approccio geomorfologico di Verri, afferma Squazzini, aprirono la strada per il corretto inquadramento delle trasformazioni territoriali avvenute durante l’evoluzione di questo settore della catena appenninica. Egli infatti si dedicò molto allo studio dell’idrografia superficiale ipotizzando per primo che nel Pliocene il fiume Velino sfociasse nell’antico Mar Tirreno dal settore meridionale della depressione di Rieti. Percepì che la conformazione di quel paesaggio fosse il risultato dell’evoluzione geodinamica dell’Appennino e come i fenomeni geologici e le modificazioni della crosta terrestre influenzassero il corso delle acque superficiali incanalate. Pur non riuscendo ad elaborarne i dettagli, il Verri intuì, sostiene Squazzini, che il fenomeno della caduta d’acqua alle Marmore fosse molto antico. Egli sosteneva che si fosse formato già durante il Pliocene per la «rottura che staccò i monti di Pennarossa da quelli di Marmore per cui le acque stagnanti del Velino si precipitarono dal ciglione di Marmore» formando la cascata. Squazzini dice che questa visione anticipa, in qualche modo, l’impostazione che viene fornita dalla geologia moderna che lega l’evoluzione del settore occidentale dell’Appennino centrale ad una tettonica di tipo distensivo.

Recenti indagini scientifiche hanno consentito di accertare l’origine fluviale delle coltri sedimentarie distribuite nell’area situata ad Est del bacino di Terni e a Nord del bacino di Rieti. La ricostruzione della storia del fiume Nera, continua Squazzini, ha permesso di scoprire aspetti finora sconosciuti del nostro territorio. La formazione e l’evoluzione dei grandi bacini intermontani di Rieti e di Terni hanno influenzato profondamente la storia dei fiumi Velino e Nera e i loro stretti rapporti geologici hanno determinato la formazione di importanti emergenze naturalistiche come la Cascata delle Marmore.

L’antichità dell’ambiente della Cascata delle Marmore, prosegue Squazzini, si deduce dal modello di accrescimento dello sbarramento travertinoso formatosi all’interno del letto del fiume Velino: un modello di accrescimento particolarmente complesso legato al fenomeno della vaporizzazione delle acque ad elevata turbolenza. L’ambiente delle rapide, infatti, è composto da una moltitudine di situazioni estremamente variabili nel  tempo a seconda dei sedimenti e dei detriti che si accumulano sulla superficie di scorrimento delle acque. Il tipo e la quantità di questi materiali dipendono dal regime delle acque, dalla stagionalità e dalle morfologie del substrato in costante evoluzione.

Una lunga storia che va dal Pleistocene Inferiore, cioè da 2,2 milioni di anni fa, fino ai nostri giorni, in cui il fiume Nera continuerà ad essere un tributario del fiume Velino, fenomeno che attualmente avviene di fronte ad una cascata alta 165 metri.

Le recenti scoperte scientifiche ci consentono, conclude Squazzini, di comprendere ancora meglio la natura del nostro territorio.  L’ambiente in cui viviamo è in continua evoluzione e conoscere le modalità con cui esso si modifica nel tempo ci permette di pianificare meglio il nostro futuro. Inquadrare i meccanismi che regolano il nostro mondo ci consente di continuare a convivere con le rigide ed insindacabili leggi della natura.

Alla fine dell’incontro i presenti sono stati guidati alla scoperta del Museo di “Storia Naturale e del Territorio” con le sue varie, ricche, interessanti e particolari collezioni tra cui quella di Antonio Verri.

Categorie: Senza categoria | Lascia un commento

Musica – Arte – Trekking

Passeggiata musicale mattutina attraverso luoghi di interesse storico-artistico e paesaggistico

Iniziativa dell’Istituto “Italo Calvino” di Città della Pieve

Un’iniziativa particolare quella proposta dal “Calvino” di Città della Pieve al Gruppo Ecologista “Il Riccio”: un trekking cittadino tra arte e musica. Gli studenti del Liceo Musicale seguiti da classi di altri indirizzi, per sabato 11 maggio hanno organizzato un trekking musicale che toccherà chiese e edifici storici, di cui  il professor Riccardo Testa del “Riccio” presenterà alcune peculiarità e caratteristiche.

L’evento che ha ottenuto il patrocinio dell’Amministrazione Comunale, partirà dall’Istituto “Calvino”, in Piazza Unità d’Italia,  alle ore 9.00 e proseguirà per la Fonte Trova, una delle tre Fonti Storiche della città, dove “Il Riccio” ha impiantato il Giardino dei Frutti “riTROVAti” con più di cinquanta alberi da frutto e un’aiuola per gli insetti impollinatori, per salire poi al Castelluccio Palusse, con i suoi spazi verdi e  serre curate da un gruppo di integrazione sociale su Progetto dell’Unione dei Comuni, gestito dalla Cooperativa “Frontiera Lavoro” ed esperti del Gruppo Ecologista “Il Riccio”. Da qui si prosegue, per un bel tratto, con il trekking fino ad arrivare alla Chiesa di San Pietro che accoglie il dipinto del Perugino, restaurato più di un decennio fa,  grazie all’interessamento del “Calvino”, indirizzo Professionale – Servizi Commerciali. Il gruppo itinerante continua poi il suo cammino per le vie cittadine toccando Palazzo della Corgna e la  Cattedrale, per dirigersi quindi, infiltrandosi tra i banchi del mercato settimanale, alla Rocca Medioevale e all’Oratorio di San Bartolomeo noto per il particolare affresco del Refettorio o Sala Capitolare, “Il Pianto degli Angeli”, da qui si scende all’Oratorio dei Bianchi famoso per l’ “Adorazione dei Magi” di Pietro Vannucci. Ultime due tappe le Chiese di Santa Maria Maddalena e di San Luigi. In cinque dei luoghi toccati, Fonte Trova, Castelluccio Palusse, Rocca, Oratorio dei Bianchi, Chiesa di San Luigi, gli studenti effettueranno brevi performance musicali.

La singolarità dell’iniziativa merita l’interesse della cittadinanza

Categorie: Senza categoria | Lascia un commento

Cronaca di una scoperta scientifica

Presentazione a Città della Pieve del libro “La lunga storia del fiume Nera”

Il Gruppo Ecologista “Il Riccio” in collaborazione con la Biblioteca Comunale “Francesco Melosio“ di Città della Pieve organizza, nell’ambito dei “Venerdì della Biblioteca”,  la presentazione del libro “LA LUNGA STORIA DEL FIUME NERA –  Cronaca di una scoperta scientifica” di e con Enrico Squazzini, Sala Grande – Piano Nobile – Palazzo della Corgna, ore 16.30, venerdì 10 maggio. 

L’autore dialogherà con il pubblico su osservazioni, analisi geomorfologiche e sedimentologiche nel territorio intorno  alla Cascata delle Marmore, territorio  studiato, descritto e analizzato  anche dal pievese Antonio Verri che nell’Ottocento gettò le basi della ricerca geologica nell’Appennino centrale.

Sarà possibile ammirare anche alcuni scritti del Verri, conservati  nella Biblioteca Comunale, che verranno esposti per l’occasione. 

L’autore si servirà di diapositive per rendere più attraente e piacevole la trattazione.  Immagini incantevoli di questo territorio sicuramente affascinante per storia e bellezze, un’avventura da percorrere certi di essere arricchiti culturalmente e scientificamente sulle trasformazioni che hanno interessato e interessano l’Umbria meridionale, di cui saranno svelati dettagli inediti.

Vista la specificità della trattazione e l’attenzione alle bellezze naturali e paesaggistiche di una parte della nostra Regione, contiamo sulla numerosa  presenza di pubblico.

Alla fine della presentazione del libro sarà possibile visitare, con guide esperte, il Museo di Storia Naturale e del Territorio, ospitato nello stesso Palazzo, ricco di collezioni tra cui quella di Antonio Verri, molto apprezzato dai visitatori che si fanno sempre più numerosi.

Il Museo gestito, per volere dell’Amministrazione Comunale, dai volontari del Gruppo Ecologista “Il Riccio”, a ingresso libero, è aperto tutti i fine settimana e in occasione delle festività.

Categorie: Senza categoria | Lascia un commento

A Città della Pieve singolare performance per omaggiare le Arti, sostenere le donne, difendere l’ambiente e i diritti umani

A Città della Pieve singolare performance per omaggiare le Arti, sostenere le donne, difendere l’ambiente e i diritti umani

Da un’idea della musicista Rita Cucè giovedì 2 maggio al Teatro degli Avvaloranti una grande serata di spettacolo per dire “no alla violenza femminile”

Categorie: Senza categoria | Lascia un commento

Assemblea annuale del Gruppo Ecologista “Il Riccio”

  Il Gruppo Ecologista “Il Riccio” di Città della Pieve comunica che sabato 27 aprile alle ore 16.30 presso i locali della Rocca, a Città della Pieve, avrà luogo l’Assemblea annuale dell’Associazione. Si invita la cittadinanza interessata a partecipare. Potrà votare solo chi è in regola con il tesseramento per l’anno 2024, sarà comunque possibile, per chi lo volesse, con un piccolo contributo, rinnovare l’iscrizione o iscriversi per la prima volta.

Vi aspettiamo numerosi

Categorie: Senza categoria | Lascia un commento